P. Michele Piccirirllo

P. Michele Piccirirllo
P. MICHELE PICCIRILLO OFM

venerdì 22 settembre 2017

OPERAZIONE 30 MILA


IL 12 NOVEMBRE A LIVORNO
FESTEGGERO' I MIEI 30 MILA KM
FATTI PER I BAMBINI DI BETLEMME


CON LAURA CORREREMO
A STAFFETTA
LA MEZZA MARATONA


VIENI A TROVARCI 
AL GAZEBO DELL'AVIS
TROVERAI UN PRODOTTO ENERGETICO SPECIALE
PER LA CORSA E PER FARE DEL BENE...
UNA CIOCCOLATA DI MODICA 
APPOSITAMENTE PREPARATA PER L'EVENTO
DA MARIA.


GRAZIE ALL'AVIS DONATORI SANGUE DI LIVORNO,
A MARIA DI "SFIZI GOLOSI" DI MODICA,
A LAURA 
CHE MI SOSTENGONO.

venerdì 28 luglio 2017

30.000 km DA FESTEGGIARE

“L’età si misura in anni,
        la Vita in tanti altri modi.”



Per questo, quest’anno quando arriverò al giorno del mio compleanno, non festeggerò i miei 68 anni di età ma i miei 30.000 Km corsi in questi ultimi 20 anni. Quasi il giro del modo corso sulla linea dell’equatore, abbracciando con lui tantissimi bambini aiutati o ricordati.
Così anche per quest’anno è nato un progetto denominato “Il volo degli Angeli”.
L’iniziativa inizia con la pubblicazione di una fiaba tratta da un fatto di cronaca, che racconta la storia di un bambino e del suo sogno.

Alla fiaba è collegata un’attività didattica con una scuola di Livorno e una festa finale. Io con Laura invece festeggerò la ricorrenza correndo la Mezza Maratona della mia città raccogliendo fondi per il Caritas baby Hospital di Betlemme.

venerdì 7 aprile 2017

ALI PER VOLARE


PER RICORDARE:
TUTTI I BAMBINI DEL MONDO VITTIME DI VIOLENZA
DI MALATTIA E DI INGIUSTIZIA.
IN PARTICOLARE I BAMBINI DI BETLEMME,
CITTA' SIMBOLO DI OGNI NASCITA E RINASCITA.
NELLA MEMORIA DI:
MARTIN
SADAKO
BRUNO
IVANO
RAGAZZI VEGA 10
FILIPPO
MARINA 
P. FIORENZO.

SEMPRE NEL CUORE CON ME!

martedì 21 febbraio 2017

TERRA SANTA

Terra Santa, là tutti siamo nati.
(appartenenza, comunione e servizio)

1 INTRUDUZIONE.
                                    Per cominciare a comprendere il significato del titolo che ho scelto, partirei dalla lettura del Salmo 86.
 Emergono frasi come: “tutti sono nati” e “là costui è nato” che ci fanno riflettere e ci interrogano. Il Salmista non vede la città Santa di Gerusalemme così come era in quell’epoca, con le sue mura e le sue torri ma quella di lassù, la Gerusalemme celeste, che è libera ed è madre di tutti i popoli.
E’ l’anagrafe celeste, quella che descrive, ove gli eletti sono conosciuti e i cui nomi sono scritti nel libro della Vita dell’Agnello.